IOTA Italia
Il portale italiano di riferimento per IOTA
space-bg.png

Archivio

News, annunci, articoli e guide

Approfondimento: il Seed

Chi è familiare con le crittovalute, di sicuro conosce il concetto di backup/chiave privata del portamonete: essenzialmente si tratta del salvataggio, del "cuore" del proprio portamonete, del file o password che permettono di dimostrare il possesso dei fondi presenti nel portamonete e che permettono di rientrarne in possesso se si cancellasse il wallet stesso o se si cambiasse semplicemente PC o terminale di accesso.

In IOTA tale funzione è svolta dal Seed ("seme", chiamato talvolta anche "password"), che a tutti gli effetti è una password usata sia per accedere al portamonete, che per "salvare" i propri fondi e custodirli.
A differenza delle altre crittovalute, dove il backup/chiave privata (equivalenti del Seed) vengono quasi sempre generati automaticamente e conservati dal wallet stesso, in IOTA il Seed è totalmente indipendente dal portamonete, va generato e conservato a parte.

Di conseguenza, approcciandosi a IOTA, la prima cosa da fare per poter usare un protamonete è generare un seed. In passato era presente uno strumento di generazione Seed nel portamonete, che però è stato rimosso per problemi di sicurezza (tuttavia tutti i Seed generati con esso si possono ancora utilizzare); di conseguenza per generare un Seed ora conviene utlizzare servizi esterni di generazione password randomiche, oppure crearlo manualmente (stando però attenti ad utilizzare un appropriato livello di complessità, è già successo che Seed relativamente facili da indovinare o troppo corti venissero craccati).

Il seed raccomandato, per essere efficace, deve avere queste caratteristiche: 81 caratteri, utilizzando lettere maiuscole e il numero 9 (gli altri numeri non sono accettati).

Una volta generato il Seed, è sufficiente immetterlo nel portamonete su qualsiasi piattaforma per eseguire l'accesso ai propri fondi; è fondamentale custodire il Seed in modo sicuro ma accessibile per sè, visto che la perdita del Seed corrisponde alla perdita dei fondi.

seed-start.jpg
Alessandro Olivo