IOTA Italia
Il portale italiano di riferimento per IOTA
space-bg.png

Archivio

News, annunci, articoli e guide

Approfondimento: il Seed

Chi è familiare con le crittovalute, di sicuro conosce il concetto di backup/chiave privata del portamonete: essenzialmente si tratta del salvataggio, del "cuore" del proprio portamonete, del file o password che permettono di dimostrare il possesso dei fondi presenti nel portamonete e che permettono di rientrarne in possesso se si cancellasse il wallet stesso o se si cambiasse semplicemente PC o terminale di accesso.

In IOTA tale funzione è svolta dal Seed ("seme", chiamato talvolta anche "password"), che a tutti gli effetti è una password usata sia per accedere al portamonete, che per "salvare" i propri fondi e custodirli.
A differenza delle altre crittovalute, dove il backup/chiave privata (equivalenti del Seed) vengono quasi sempre generati automaticamente e conservati dal wallet stesso, in IOTA il Seed è totalmente indipendente dal portamonete, va generato e conservato a parte.

Di conseguenza, approcciandosi a IOTA, la prima cosa da fare per poter usare un protamonete è generare un seed. In passato era presente uno strumento di generazione Seed nel portamonete, che però è stato rimosso per problemi di sicurezza (tuttavia tutti i Seed generati con esso si possono ancora utilizzare); di conseguenza per generare un Seed ora conviene utlizzare servizi esterni di generazione password randomiche (possibilmente se open source ed eseguibili offline), oppure crearlo manualmente (stando però attenti ad utilizzare un appropriato livello di complessità, è già successo che Seed relativamente facili da indovinare o troppo corti venissero craccati).
Inoltre, è ASSOLUTAMENTE sconsigliato utilizzare generatori specifici di Seed per IOTA online, è già successo si trattasse di siti malevoli, che poi hanno ovviamente facoltà di derubare gli utenti.

Il seed raccomandato, per essere efficace, deve avere queste caratteristiche: 81 caratteri, utilizzando lettere maiuscole e il numero 9 (gli altri numeri non sono accettati).

Una volta generato il Seed, è sufficiente immetterlo nel portamonete su qualsiasi piattaforma per eseguire l'accesso ai propri fondi; è fondamentale custodire il Seed in modo sicuro ma accessibile per sè, visto che la perdita del Seed corrisponde alla perdita dei fondi.

seed-start.jpg
Alessandro Olivo